Please enable JS

Brevettato il miscelatore COMBI 300

Corradi & Ghisolfi ottiene, dal Ministero dello Sviluppo Economico Italiano, l'attestato di brevetto per invenzione industriale del miscelatore COMBI 300.
miscelatore

Corradi & Ghisolfi ottiene, dal Ministero dello Sviluppo Economico Italiano, l'attestato di brevetto per invenzione industriale del miscelatore COMBI 300.

08 Aprile 2016

Corradi & Ghisolfi ottiene, dal Ministero dello Sviluppo Economico Italiano, l'attestato di brevetto per invenzione industriale del miscelatore COMBI 300.

Una notizia che ha già fatto il giro d'Italia, a conferma del fatto che il marchio Corradi&Ghisolfi è presente su l'intero territorio nazionale ed è riconosciuto per qualità, efficienza e alto contenuto tecnologico.

“Innovazione & Ricerca continue sono la nostra missione quotidiana che ci permettono di trovare soluzioni esclusive ed immediate alle necessità dei nostri clienti – commenta Paolo Corradi, socio fondatore – il miscelatore Combi 300 è stato progettato e realizzato al nostro interno, testato su numerosi impianti ha ottenuto risultati stupefacenti”.

COS’E’ COMBI 300
E’ un nuovo miscelatore per il mescolamento di masse di matrici di effluenti zootecnici, di sottoprodotti dell’agroindustria e di biomasse, con basse percentuali di sostanza secca.

PUO' ESSERE INSTALLATO IN:
- vasche di stoccaggio
- vasche di impianti di biogas


I PLUS:

- EFFETTO FRANGICROSTA DELLE PALE
la posizione in altezza lambisce perfettamente il pelo libero del fluido, anche quando tale massa è al suo livello massimo.

- IMPIANTO A FUNZIONAMENTO CONTINUO O TEMPORIZZATO
mantiene omogenea la composizione del liquame ed impedisce la formazione di stratificazioni discontinue che pregiudicherebbero i tempi di ritenzione con problemi di scarico nel post fermentatore

- SOLUZIONI IMPIANTISTICHE INNOVATIVE
per ridurre gli interventi di manutenzione sulle pale o sulle parti del sistema immerse nel fluido

- CONFORME ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE


IN SINTESI: 

- DRASTICA RIDUZIONE DEGLI AUTOCONSUMI D’IMPIANTO;

- PERFETTA OMOGENEIZZAZIONE DELLA MASSA FERMENTATIVA (EVITANDO FORMAZIONE DI CROSTE SUPERFICIALI);

- NESSUN FERMO IMPIANTO IN CASO DI MANUTENZIONE;

- INSTALLABILI ED ADATTABILI AI DIGESTORI DI IMPIANTI ESISTENTI;

 

 

condividilo su